Festa della Mamma solidale grazie a Se Fosse un Fiore

Un fiore per omaggiare le mamme, un gesto per ritornare piano piano alla normalità. Con questo obiettivo Consuelo Santoro, titolare di Se Fosse un Fiore, ha deciso di lanciare l’iniziativa: Un’azalea per l’Hospice di Abbiategrasso. Un’idea coraggiosa in un periodo incerto per tante realtà, soprattutto per il mondo del commercio.

“La cosa più importante” – dice Consuelo“è che la gente stia ancora il più possibile a casa. Anche se il 4 maggio forse si potrà uscire, io esorto tutti a fare attenzione. E per questo consegnerò personalmente e senza costi aggiuntivi le azalee a casa delle mamme.”

La vendita delle azalee è programmata nei giorni del 8, 9 e 10 maggio, in occasione festa della mamma. Consuelo proporrà tre misure diverse, con tre prezzi differenti, della celebre pianta: misura piccola a 10 euro, 15 euro per quella intermedia e 25 euro per le più grandi. All’Hospice andranno 4 euro per la prima tipologia, 5 per quelle medie ed 8 Euro per le più grandi. In più per ogni pianta diversa venduta “Se fosse un fiore” si impegna a destinare 1 euro al centro di cure palliative di Abbiategrasso.

Ma perché proprio questa pianta? Per Consuelo la scelta appare scontata: “l’azalea è un fiore tutto femminile e richiama la figura della donna. E per ciascuno di noi la donna più importante è proprio la mamma. In questo senso l’azalea rappresenta anche l’amore più puro che c’è, cioè l'amore materno.”

L’Hospice di Abbiategrasso ringrazia Se Fosse un Fiore e invita ogni figlio a stupire la propria mamma con un gesto semplice, ad esempio regalando un’azalea.