Il sito è stato trasferito: www.gruppogeode.it

 

 

 

 

2016

OGGETTO DI STUDIO: La costruzione di uno strumento per lo psicologo
Si vuole lavorare perché la cornice contestuale delle cure palliative sia premessa epistemologica sui cui e all’interno della quale costituire un modello di lavoro integrato e comune per gli psicologi palliativisti.

IL LAVORO
Uno Strumento per gli psicologi attraverso il quale costruire l’analisi del bisogno sui casi segnalati dall’equipe attraverso la Scheda di Valutazione e Osservazione. Uno strumento che analizza la domanda e ridefinisce la valutazione del bisogno, a partire dai motivi dell’invio contenuti nella Scheda di Valutazione dell’equipe. Tale strumento costituirà un’utile traccia per impostare la restituzione all’equipe, al paziente e ai familiari nei modi che saranno ritenuti idonei dal professionista.

2015

OGGETTO DI STUDIO: La costruzione di uno strumento per l’equipe.
Come psicologi che lavorano in cure palliative abbiamo la responsabilità, che il contesto ci impone, di formare l’equipe a saper effettuare una corretta valutazione dei bisogni relazionali.

IL LAVORO
Abbiamo costruito una Scheda di Valutazione, sulla base dei dati raccolti dalla Scheda Indagine (2014) con l’obiettivo di fissare i criteri attraverso cui ciascun operatore deve osservare il sistema relazionale in cui il paziente è inserito. Questa Scheda è anche un utile strumento di connessione tra lo spazio relazionale e l’intervento specifico dello psicologo.

2014

OGGETTO DI STUDIO: La valutazione da parte dell’equipe del bisogno relazionale nei pazienti e nei familiari.
Nel 2012 il Gruppo Geode ha proposto un Seminario sulla clinica dello psicologo esperto in cure palliative cui hanno partecipato 90 psicologi provenienti da tutta Italia. Successivamente, il Gruppo Geode ha costruito un questionario sull’intervento dello Psicologo in cure palliative che è stato inviato a livello Nazionale ai Centri di Cure Palliative. Nel Seminario del 2013 abbiamo avviato una prima riflessione cui è seguita, al Congresso SICP 2013, la presentazione dei dati, pubblicati anche nei Quaderni della FCP, in Punto e Virgola n.8., che hanno evidenziato un modo di lavorare, uniforme per alcune caratteristiche, che induce ad approfondire ulteriormente il lavoro relazionale e psicologico nelle cure palliative. Il Progetto di Ricerca 2014 nasce da qui e ha come obiettivo la valutazione da parte dell’equipe del bisogno relazionale e psicologico nei pazienti e nei familiari durante i primi giorni della presa in carico del Servizio.

IL LAVORO
Attraverso una Scheda-Indagine si chiede agli psicologi di riportare, insieme alla loro equipe, i criteri su cui ad oggi si basa la valutazione relazionale e la conseguente decisione di inviare i casi allo psicologo. A ciascuno psicologo si chiederà di compilare la Scheda-Indagine per i primi 5 casi, a partire dal momento di avvio della Ricerca.